Equilibrare il lavoro mentre si crea una famiglia

Il lavoro del giocoliere

Equilibrare il lavoro mentre si crea una famiglia

Da

Sei istruito, qualificato e ti consideri ragionevolmente intelligente. Hai consegnato innumerevoli articoli, proposte e almeno una tesi. Probabilmente hai già un po' di esperienza, forse hai già ottenuto un buon lavoro con buone prospettive. Sei sicuro delle tue capacità, pronto a lavorare la sera e nei fine settimana, e desideroso di fare una buona impressione. 

Potresti anche avere un partner fisso, o magari stai pensando di sistemarti nei prossimi anni, il che apre la possibilità di mettere su famiglia, se non l'hai già fatto. Il gioco sta per cambiare.

Che tu stia già lavorando o che ti stia candidando per un lavoro, hai alcune cose nuove a cui pensare e molteplici, spesso contraddittorie, priorità da bilanciare (benvenuti nel mondo dei genitori). Per motivi di semplicità, cerchiamo di analizzare: il congedo parentale, la cura dei figli, l'orario di lavoro, il rapporto datore di lavoro/dipendente, le finanze e i livelli di stress. A parte lo stress, il resto è in qualche misura direttamente influenzato dal luogo in cui vivi e dalle leggi/sussidi disponibili, dal luogo in cui lavori o ti sei candidato per una posizione, nonché dalle condizioni e dall'atteggiamento del tuo (futuro) datore di lavoro. Lo stress, a sua volta, influenza e viene influenzato dagli altri fattori.

Ti sembra complicato? Un po’ lo è, ma ce la farai. Quasi tutti i genitori ce la fanno. Ecco una piccola guida per districarti in questa giungla quotidiana.

balancing a career with starting a family

Congedo parentale

Inizia a pensare a quanto a lungo tu e il tuo partner prevedete di lasciare il lavoro, perché il vostro piano di cura dei figli, e di conseguenza i vostri piani di lavoro/carriera, si baseranno invariabilmente su questa decisione.

Dovrete familiarizzare con i vostri diritti come dipendenti, che variano notevolmente da paese a paese, o nel caso di federazioni come gli Stati Uniti da stato a stato. Nella maggior parte dei paesi il congedo di maternità è molto più generoso del congedo di paternità, ma informatevi sulle linee guida nazionali relative al luogo in cui vivete.

In genere si distingue tra congedo parentale e indennità parentali. Potresti avere il diritto di prenderti diversi anni di congedo, pur mantenendo il tuo lavoro, ma qualsiasi reddito statale normalmente risulta un po' inferiore al tuo salario normale, ed è accessibile solo per un numero limitato di mesi. La maggior parte delle persone riceve le indennità parentali contemporaneamente al congedo parentale, per coprire il calo di reddito. Ma questo non deve essere sempre così, e possono anche esserci dei benefici, ad esempio in termini di risparmio fiscale, disaccoppiando le due cose e distribuendo il proprio reddito su diversi anni fiscali.

Potrà sembrarti ovvio, ma sia che tu consideri o meno l'andare a lavorare un costo netto o un beneficio netto, c'è anche un rovescio della medaglia sotto forma di passare più o meno tempo a casa con un neonato o un bambino piccolo. Per alcuni questo può sembrare fantastico, mentre per altri sarebbe difficile pensare a una tortura peggiore. Non c'è una risposta "giusta". Anche in questo caso, benvenuti nel mondo dei genitori. Il consiglio migliore è quello di informarti il più possibile per ridurre il divario informativo su ciò che ogni opzione comporta realmente. In questo modo, potrai almeno tentare di assegnare un valore e un costo realistico in relazione a ciascuna delle tue opzioni in termini di denaro, obiettivi personali e obiettivi di carriera. Informati, ma soprattutto parla con il tuo partner, amici e familiari, e fai un po' di onesta introspezione per decidere cosa è meglio per te, per la tua famiglia e per tuo figlio.

Cura dei figli

Dopo aver riflettuto su quanto tempo prenderti dal lavoro, devi anche considerare quanto tempo devi prenderti, inversamente, di "congedo dai piccoli". Se entrambi vi aspettate di lavorare almeno part-time, sarà necessaria una qualche forma di servizio di assistenza all'infanzia. 

Se prevedi di ricorrere a servizi di assistenza all'infanzia organizzati (tate, baby-sitter o scuola materna/asilo nido), cerca di informarti in anticipo, soprattutto se prevedi di averne bisogno nei primi due anni di vita del tuo bambino. In alcune città le liste d'attesa possono essere di un anno o più per gli asili nido più popolari: esistono anche persone che prenotano posti per bambini che non sono ancora stati concepiti. Questo è un estremo, ma vale comunque la pena di scoprire da amici, parenti o colleghi com'è la situazione nel luogo in cui vivi.

E poi, i soldi. A seconda del luogo in cui vivi, la cura prescolastica può avere un costo che va da quasi nulla alla maggior parte del tuo stipendio mensile. Se mandi i tuoi figli all'asilo nido per i benefici sociali e/o perché hai bisogno di tornare al lavoro, forse un costo elevato per l'assistenza all'infanzia sarà accettabile. Spendere gran parte o addirittura tutto il tuo reddito per asili o tate può sembrare assurdo, ma considera il valore di ciò che farai con il tuo tempo libero dai bambini (lavoro, incontri con gli amici, sonno) e tutto questo comincia a sembrare ragionevole. Tuttavia, se il costo è troppo elevato, può avere più senso dal punto di vista finanziario prendersi una pausa più lunga dal lavoro o condividere la custodia dei bambini con il tuo partner, piuttosto che lavorare per un reddito mensile da portare a casa che, dopo aver detratto i costi per la cura dei bambini, arriva a un totale di circa zero. 

Infine, anche se importante, la famiglia o gli amici ti offrono delle opzioni? Se ci sono dei nonni, forse questi sono disposti a prendersi cura dei bambini per qualche ora o qualche giorno alla settimana. Alcune famiglie mettono in comune la responsabilità della cura dei bambini con fratelli, sorelle, cugini o vicini di casa. Qualunque cosa tu possa organizzare, il tempo che avrai a tua disposizione ti darà tempo prezioso per il lavoro, e forse ancora più prezioso tempo libero.

In ogni caso, una volta che avrai almeno un'idea approssimativa dei tuoi piani per il congedo parentale, e un piano praticabile per la cura dei figli, potrai tornare all'argomento lavoro...

Orari di lavoro e rapporto tra capo e dipendente

Molte imprese offrono modelli di lavoro flessibili o offrono ai dipendenti orari ridotti. Soprattutto nell'era post coronavirus, molti manager avranno avuto un'esperienza positiva con il lavoro a distanza e l'orario di lavoro ridotto del loro team. Le prime avvisaglie sono che molte imprese saranno probabilmente più aperte a modelli di lavoro non tradizionali di quanto non lo fossero prima del 2020. La BBC, ad esempio, per esempio, ha evidenziato alcuni esempi di alto profilo che indicano che i modelli di lavoro a distanza e flessibili potrebbero perdurare anche quando la pandemia di COVID-19 sarà passata.

Se hai già un lavoro, parla con altri colleghi dell'azienda per scoprire se i modelli di lavoro a misura di famiglia sono diffusi, e quindi che tipo di opzioni potrebbero essere disponibili per te, prima di rivolgerti al tuo capo. Se ti sei solo candidato, usa il processo di candidatura per scoprire le opzioni a tua disposizione. Molti datori di lavoro hanno politiche trasparenti quando si tratta di condizioni di lavoro per i genitori. In caso contrario, rifletti sul se e sul come sollevare l'argomento durante lo svolgimento del colloquio. 

Oltre ai tuoi diritti legali e alla politica ufficiale della società, la chiave per qualsiasi modifica del tuo orario di lavoro è l'atteggiamento del tuo manager o dei tuoi manager. Un manager comprensivo può apprezzare la motivazione dei giovani genitori a lavorare sodo e ad adempiere alla responsabilità che si sentono di provvedere ai propri figli, e quindi ad essere più comprensivi. I manager possono anche apprezzare la capacità dei genitori di concentrarsi e di utilizzare il loro (limitato) tempo in modo più efficace di quanto potrebbero fare altrimenti. Molti genitori trasferiscono le competenze che sviluppano come genitori nel loro ambiente di lavoro, per esempio mostrando capacità organizzative che, quando erano ancora senza figli, non si sarebbero neanche sognati di avere. 

Altri manager, invece, possono essere turbati dall'etica del lavoro dei genitori, tenendo conto dei molteplici e prolungati periodi di congedo, dei no-show occasionali o delle uscite improvvise dal posto di lavoro, delle lunghe telefonate con partner ansiosi o insegnanti preoccupati, e della sensazione generale che il lavoro non sia la massima priorità per i loro dipendenti. Se il tuo manager è uno di questi, la tua decisione sarà tra l'alleviare questa sensazione facendo in modo che il tuo "essere genitore" resti fuori dall'ufficio e comportandoti di conseguenza sul luogo di lavoro, oppure cercarti un altro impiego.

Trovare il modo di bilanciare il lavoro con la vita familiare, o decidere se un lavoro per il quale ti stai candidando si adatti alla tua attuale situazione di vita, può dipendere dal tipo di atteggiamento che prevale nel tuo (potenziale) luogo di lavoro. Cerca di capirlo, e non solo il tuo lavoro ne trarrà beneficio, ma anche la tua vita familiare e i livelli di stress. E, a proposito di stress...

Consigli per la partenza: gestire lo stress e le aspettative

Se hai dei figli, nella tua vita ci sarà dello stress. Hai la responsabilità di un altro essere umano dal punto di vista finanziario, emotivo e fisico. Queste cose erano già abbastanza stressanti quando dovevi pensare solo a te stesso. Supponendo che l'altro genitore sia presente, a volte anche lui o lei avrà difficoltà a gestire queste preoccupazioni. Quindi, oltre alle tue preoccupazioni a casa e sul lavoro, probabilmente dovrai anche essere un sostegno per il tuo partner. Oltre a questo, è probabile che ti sentirai infastidito per il fatto di doverlo fare, e che ti sentirai infastidito per il fatto di sentirti infastidito. Il tutto continua ad accumularsi, o più precisamente a moltiplicarsi. Aggiungi lo stress del lavoro, o lo stress di dover cercare un lavoro, allo stress aggiuntivo di essere stanco, meno efficace e a volte meno disponibile di quanto non lo saresti normalmente per i tuoi colleghi di lavoro, e comincerai a farti un'idea. Se pensi di poter bilanciare tutto senza dover percorrere una curva di apprendimento, ripensaci. 

Il miglior consiglio, in breve, è quello di gestire le aspettative: sia le tue aspettative per te e per il tuo partner, sia le aspettative dei tuoi colleghi e dei tuoi manager. Aspettati periodi di forte pressione e molteplici ostacoli lungo il percorso della tua relazione, dell'efficacia del lavoro e della fiducia in te stesso. Se ti aspetti una strada accidentata e tortuosa, riuscirai a percorrerla meglio.

Cerca di capire cosa puoi gestire realisticamente in termini di tempo libero e di tempo con i bambini. Rifletti sulle tue aspettative e fissa degli obiettivi chiari e realistici. All'inizio, questi possono essere semplici come vestirsi e fare la doccia a un certo punto della giornata, o superare una giornata lavorativa di quattro ore senza piangere. A lungo termine potrebbe essere occuparti di una parte del tuo lavoro svolgendola in modo soddisfacente, oppure organizzare la tua settimana in modo tale da poter partecipare a una riunione di gruppo settimanale, aumentando così il carico di lavoro in modo più regolare e affidabile.

Comunica con il tuo partner. Avete entrambi le stesse aspettative l'uno nei confronti dell'altro quando si tratta di badare ai bambini, fare le faccende di casa, portare a casa il pane? La maggior parte delle coppie avverte una certa tensione nel primo anno o due dopo aver ampliato la famiglia. Ciò è normale, ma se tu e il tuo partner siete più o meno sulla stessa lunghezza d'onda, potrete ridurre lo stress a breve termine, la pressione a lungo termine e ridurre il rischio di danni.

Infine, spiega chiaramente ai tuoi colleghi e ai tuoi capi qual è la tua situazione. Se prevedi periodi prolungati di disponibilità ridotta, comunicalo. All'inizio può sembrare imbarazzante rifiutare la responsabilità sul lavoro, ma se cercherai di fare troppo presto tutto quello che facevi prima, lo farai male e non farai colpo su nessuno. Invece, non promettere troppo: accetta meno lavoro, ma fallo bene. Dimostra che, anche se lavori meno ore o non ti sei fatto coinvolgere in un paio di progetti, puoi ancora lavorare in modo efficace, forse anche più di prima. 

Con un po' di pazienza mentre affronti gli inevitabili ostacoli della strada, e magari una riduzione della velocità della tua carriera mentre gestisci la chicane presentata dai tuoi adorabili bambini (anche se non vogliono saperne di andare a dormire), tu e il tuo partner potete, se in tempi diversi e in misura diversa, posizionarvi per uscire dalla curva in modo più energico, illuminato e con un nuovo senso dell'obiettivo. Forse la vostra definizione di successo professionale è un po' diversa da quella di una volta, ma qualunque cosa significhi per voi, avere una famiglia non deve per forza mettere fuori gioco le vostre ambizioni.