Microeconomia contro Macroeconomia: quale corso dovrei seguire per primo?

Primi passi nel mondo dell’economia

Microeconomia contro Macroeconomia: quale corso dovrei seguire per primo?

All'inizio dei tuoi studi in campo economico, ti troverai di fronte a due materie importantissime: la microeconomia e la macroeconomia. È probabile che durante il tuo percorso dovrai studiare entrambe, dal momento che sono le basi dell’argomento. Potresti però ritrovarti nella posizione di dover scegliere un corso da iniziare subito, per poi specializzarti in un secondo momento: in tal caso dovresti seguire prima un corso di microeconomia o uno di macroeconomia? Quale ti fornirà le basi migliori per i tuoi studi in economia? Oggi parleremo proprio di questo, così potrai informarti meglio su entrambe le materie e decidere quale dovresti affrontare per prima.

Sfoglia i nostri elenchi dei programmi di micro e macroeconomia

microeconomics vs macroeconomics which class should I take firstQual è la differenza tra la microeconomia e la macroeconomia?

Prima di prendere una decisione sul corso da intraprendere, dovresti capire su cosa si concentrino queste due materie. La microeconomia è lo studio dei sistemi economici su piccola scala, ovvero il modo in cui le teorie economiche funzionano quando sono applicate a un individuo, a un gruppo o a un'azienda. La macroeconomia, invece, guarda all'intera economia delle nazioni o del mondo. Per farti un esempio, la microeconomia include lo studio della domanda e dell’offerta di un particolare prodotto o servizio, o l’esame di come una particolare legge influenzerebbe un’impresa che opera in quell’area. La macroeconomia esamina l’economia su una scala più ampia, studiando come le teorie economiche si applicano ai governi e alle organizzazioni internazionali come la NATO. Tra gli argomenti studiati in macroeconomia troveremo il prodotto interno lordo di un paese, o gli effetti economici delle importazioni e delle esportazioni da e verso un paese.

Sia la micro che la macroeconomia si occupano di questioni simili, ma su livelli diversi. Infatti, gli stessi argomenti di studio possono essere rilevanti per entrambe le materie. Prendiamo, ad esempio, il problema del costo della vita in una particolare zona ed il suo rapporto con l’inflazione. Questo argomento si ricollega alla microeconomia perché riguarda quanto le persone devono spendere per una casa, il cibo, l’intrattenimento e così via; e può quindi essere analizzato ad un livello individuale. Tale argomento è però importante anche in campo macroeconomico, dal momento che l’inflazione è influenzata da elementi come il tasso di interesse, definito dallo stato. La stessa problematica può essere quindi analizzata anche a livello nazionale in un’ottica macroeconomica.

L’importanza della microeconomia e della macroeconomia nell’economia in generale

Abbiamo quindi capito come i due campi siano spesso collegati tra loro: l’analisi degli aspetti microeconomici di un problema spesso rivelano alcuni indizi importanti sul piano macroeconomico e viceversa. Un modo approssimativo di concepire questa situazione è che la microeconomia è "dal basso verso l'alto", poiché considera come le scelte individuali influenzano i sistemi economici, mentre la macroeconomia è "dall'alto verso il basso", poiché considera come i sistemi economici influenzano le persone che vivono al loro interno. Per riuscire a capire una questione economica complessa, ad esempio come e quando uno stato dovrebbe adeguare il tasso di inflazione, dovrai prima conoscere i principi di base della domanda e della risposta e il modo in cui gli individui prendono le loro decisioni economiche, argomento del reame microeconomico. A quel punto dovrai capire come questi princìpi si applichino ai sistemi monetari e al mercato finanziario, e come l’economia di una nazione si inserisca nel sistema economico internazionale: eccoci in campo macroeconomico.

Un altro fattore da considerare è che in microeconomia c'è poco in termini di scuole di pensiero concorrenti; in altre parole, gli economisti sono generalmente d'accordo sui principi della materia. Purtroppo, non si può certamente dire lo stesso per la macroeconomia, la cui definizione è cambiata più volte (spesso radicalmente) dai tempi dei suoi albori. I princìpi macroeconomici sono ancora oggetto di accesi dibattiti, soprattutto quando si parla di previsioni: ciò la rende a volte un argomento di studio più complesso, anche se forse più stimolante a livello intellettuale.

Dovresti studiare prima la microeconomia o la macroeconomia?

Considerando quanto abbiamo detto finora, la maggior parte degli studenti di economia avrà risultati migliori dedicandosi prima allo studio della microeconomia per poi passare alla macroeconomia. In tal modo, i principi dell'economia possono essere appresi a livello individuale prima di essere applicati alla società e al mondo. Tuttavia, alcuni sostengono che i principi dell'economia sono meglio compresi se visti nella pratica: per prima cosa si dovrebbe capire il sistema finanziario per poter comprendere l'economia come argomento. Queste persone sostengono che può essere utile studiare la macroeconomia prima della microeconomia.

Potrebbe esserti d’aiuto se la tua università offrisse entrambe le materie come singola unità sotto forma di corso di introduzione all’economia. Una simile opzione ti permetterebbe di imparare ciò di cui hai bisogno per progredire nei tuoi studi economici; ma, in generale, la maggior parte degli studenti sceglie di studiare prima la microeconomia.

Una considerazione finale: la microeconomia è tendenzialmente più “matematica” della macroeconomia; ma anche in quest’ultima ti capiterà di dover eseguire dei calcoli, e avere le basi matematiche acquisite con lo studio della microeconomia potrebbe tornarti utile. Per concludere, possiamo dire che se hai intenzione di studiare entrambe forse faresti meglio a iniziare dalla macroeconomia; se invece vuoi studiare solo una delle due, scegli quella che trovi più interessante.