Le migliori app per economisti

Suggerimenti per una domanda di dottorato di successo

Le migliori app per economisti

Che tu stia facendo domanda per un programma strutturato come quelli che si trovano tipicamente negli Stati Uniti, un dottorato di ricerca indipendente come quelli in gran parte dell'Europa e altrove, o un ibrido dei due, il primo passo è quello di raccogliere i tuoi pensieri (e la documentazione) nel tentativo di convincere la commissione di ammissione che sei il candidato più qualificato e motivato per la posizione.

Indipendentemente dal luogo o dalla disciplina, la tua domanda includerà quasi certamente una dichiarazione personale, trascrizioni, copie dei tuoi diplomi precedenti e lettere di raccomandazione.

1. Manda più domande, ma solo sei sei davvero interessato

Quando è il momento di fare domanda per l'università molte persone ne inviano a dozzine, anche ad università che non sono nemmeno particolarmente interessate a frequentare. Mentre all'inizio del tuo percorso universitario avere queste scuole "di scorta" potrebbe essere una buona idea per assicurarti un'istruzione (oppure, potresti prenderti un anno per migliorare i tuoi voti e rifare domanda), a livello post-laurea questa strategia non è sempre la migliore.

Sì, fare domanda solo ai due dipartimenti dei tuoi sogni è una scommessa estrema, ma probabilmente è meglio che tu dedichi le tue attenzioni alle domande per quei due posti, così come a uno o due posti di riserva che saresti comunque felice di ottenere, in modo da assicurarti che le tue domande più importanti ottengano la maggior parte delle tue attenzioni e del tuo tempo. In questo modo potrai davvero concentrarti sulle tue candidature, che saranno così più complete e probabilmente ti aiuteranno a trovare un posto nel programma dei tuoi sogni. Inoltre, se sei davvero interessato a un programma sin dall'inizio è molto più probabile che tu sia in grado di mantenere quello slancio e di lavorare fino al completamento della tua tesi. Se frequenti una scuola che non ti piace particolarmente, e soprattutto se il tuo programma non è esattamente quello che volevi seguire, potresti trovarti demotivato lungo la strada, e un dottorato è un grande salto in termini di quantità di lavoro e autodisciplina rispetto a un master.

Tips for a Successful PhD Application2. Dedica molto tempo alla tua domanda

Sebbene una presentazione accuratamente studiata sia una componente chiave di molte domande, rimane vistosamente assente in altre. Eppure, sia che ti venga chiesto di includere una proposta di 10 pagine o semplicemente un paragrafo che evidenzi i tuoi interessi specifici, questa descrizione è spesso il nocciolo di ciò che distingue un candidato di dottorato ammesso da uno che rimane a chiedersi perché è stato respinto.

La proposta che scriverai nella tua domanda avrà probabilmente poco a che fare con la ricerca che effettivamente condurrai: molti modificano la loro ricerca più volte nel corso dei primi mesi, e il tuo tutor ti aiuterà a restringere e affinare il tuo argomento. Detto questo, la chiarezza dell'obiettivo che proporrai, insieme alle ragioni che darai per voler lavorare con determinati professori, possono fare la differenza. Quindi non lasciarti ingannare dal mettere da parte l'elemento presentativo della tua domanda solo perché sai che l'argomento della tua ricerca cambierà comunque. Invece, approfittane come un'occasione per mostrare quanto sei appassionato e impegnato nella tua disciplina, mostrando anche le tue grandi capacità di scrittura, ricerca e organizzazione, oltre a dimostrare che hai familiarità con gli interessi di ricerca dei tutor che hai scelto. A proposito...

3. Familiarizza con i professori con cui vorresti lavorare

Anche se la tua domanda di dottorato non prevede specificamente di elencare i professori con cui vorresti lavorare, la conoscenza della ricerca svolta nel dipartimento per il quale stai facendo domanda e la disponibilità a parlare di come potresti arricchirla ti daranno un solido vantaggio nel caso tu venga chiamato per un colloquio. Inoltre, tracciare collegamenti tra i tuoi interessi di ricerca e il lavoro di certi professori dimostrerà che hai fatto i compiti a casa, che conosci bene il dipartimento e che sei in grado di esporre in modo dettagliato i motivi per cui saresti una buona aggiunta.

Una buona tattica è quella di contattare i potenziali assistenti prima di fare domanda. Questa può essere un'ottima idea perché possono darti consigli sulla tua proposta prima che tu faccia formalmente domanda, e possono dirti preventivamente se sarebbero interessati ad associarsi alla tua ricerca. Ricorda che lavorerai molto con il tuo tutor per rendere questo il miglior lavoro di scrittura accademica che tu abbia mai realizzato, quindi anche lui dovrà esserne entusiasta. Detto ciò, alcuni programmi ti chiedono specificamente di non contattare nessuno in modo individuale fino a quando non avrai già superato la selezione, quindi controlla attentamente le linee guida per la candidatura e scegli di inviare o meno quella e-mail in base a ciò che ti suggeriscono.

4. Evidenzia le qualifiche rilevanti e non soffermarti su quelle che non lo sono

I percorsi accademici e di carriera di molti giovani non seguono una traiettoria perfettamente dritta. E questo va bene. Infatti, ciò può probabilmente contribuire all'ampiezza della tua base di conoscenze e renderti un candidato più completo di quelli che hanno acquisito esperienza solo in un'area specifica.

Perciò, nella tua domanda, non scusarti per un CV misto. Piuttosto, disegna una mappa per il team di ammissione evidenziando l'interconnessione delle varie posizioni che hai ricoperto, omettendo semplicemente quelle che potrebbero non essere rilevanti. Non c'è motivo di spiegare lavori o studi passati che non sono collegati ai tuoi interessi attuali, e così facendo potresti distogliere l'attenzione da tutte le tue altre qualifiche che ti rendono un ottimo candidato. Tuttavia, se dovessero sorgere domande, sii pronto a discutere il tuo percorso serpeggiante e ad offrire motivazioni sincere e sicure del perché hai fatto le scelte che hai fatto, dando risalto a come hanno plasmato i tuoi interessi attuali e come possono (se possono) aiutarti in futuro.

5. Preparati scrupolosamente per il tuo colloquio

Se riesci ad ottenere un colloquio, che sia di persona o via Skype o telefono, assicurati di avere una chiara comprensione del tipo di colloquio che sarà e preparati di conseguenza. Non avere paura di fare domande per ottenere più informazioni possibili: sarà un colloquio a tu per tu o ti rivolgerai a un gruppo di professori? Dovrai preparare una presentazione o sarà più una conversazione casuale? Più informazioni avrai in anticipo e meglio potrai prepararti, minimizzando così il rischio di essere colto alla sprovvista. Inoltre, al colloquio dovresti anche presentarti preparato con domande più dettagliate, sia per mostrare il tuo interesse per il programma che per aiutarti a capire se è davvero adatto a te.

E non dimenticare le cose più ovvie: vestiti bene, sii educato ("grazie" e "piacere di conoscerti"), e ricorda che un sorriso può sempre aiutarti a fare strada.