Economics Terms A-Z - I pi√Ļ importanti termini in economia.

a b c d e f g h i j k l m n o p q r s t u v w x y z

La teoria dei giochi

La teoria dei giochi è un importante campo di studio in economia che si concentra sull'interazione di diversi decisori che agiscono in modo strategico. Un gioco si riferisce a qualsiasi tipo di situazione in cui il guadagno o l'utilità che un individuo può ottenere prendendo una decisione dipende non solo dalla sua decisione, ma anche da quelle degli altri.

Nella teoria dei giochi, i responsabili delle decisioni o gli individui sono chiamati giocatori, e ognuno ha una serie di possibili azioni che può intraprendere. Ad esempio, in una partita a scacchi si hanno due giocatori (uno che gioca in nero e l'altro in bianco) e ogni giocatore ha diverse possibili azioni o mosse tra cui scegliere. Negli scacchi il giocatore bianco può aprire la partita muovendo uno qualsiasi dei pedoni, oppure può scegliere di muovere uno dei due cavalli. La differenza principale tra una partita e un semplice problema di decisione, in cui un individuo sceglie tra diverse alternative, è che in una partita il guadagno che il giocatore ottiene prendendo una decisione dipende dalla reazione dell'avversario. Quando un giocatore di scacchi muove una figura, cercherà di prevedere come il suo avversario reagirà e come questo a sua volta influenzerà il gioco e le sue possibilità di vittoria.

Naturalmente, la teoria dei giochi non viene utilizzata solo per studiare i veri giochi come gli scacchi. √ą anche usata per analizzare qualsiasi tipo di interazione strategica. In economia usiamo la teoria dei giochi per studiare come le aziende interagiscono in un particolare mercato. Consideriamo, ad esempio, il mercato dell'aviazione in cui abbiamo due concorrenti principali: Boeing e Airbus. Quando Airbus decide il prezzo dei biglietti aerei, il tipo di condizioni da offrire ai propri clienti o come progettare nuovi tipi di aerei, dovr√† prevedere come i suoi clienti reagiranno a queste decisioni, e questo ovviamente dipende dalla reazione di Boeing. Il mercato degli aerei passeggeri non √® l'unico mercato in cui poche o diverse imprese sono in concorrenza tra loro. Nei mercati oligopolistici, le imprese che massimizzano i profitti tengono conto delle strategie delle altre imprese quando decidono come valutare un prodotto, se lanciare una nuova campagna di marketing, quanto investire in R&S e cos√¨ via. Oltre alla concorrenza tra le imprese, la teoria dei giochi viene utilizzata anche per studiare il comportamento dei consumatori. Ad esempio, in che modo i consigli degli altri consumatori influenzano le decisioni di consumo? Altre domande che vengono analizzate utilizzando la teoria dei giochi sono: come possono i dipendenti essere incentivati ad esercitare uno sforzo? √ą possibile ottenere la collaborazione tra i membri di un team? E come dovrebbero progettare le loro campagne i politici, se vogliono attirare il maggior numero possibile di elettori? Come puoi vedere da questi esempi, ci sono molte applicazioni economiche della teoria dei giochi, e pertanto √® diventata un campo di ricerca molto importante in economia.

Nella teoria dei giochi si suppone che gli attori agiscano in modo razionale, cioè che agiscano per massimizzare i benefici per se stessi. (Alcune idee, come quelle dell'economia comportamentale, si oppongono a questo presupposto.) Oltre a questo, un altro presupposto importante nella teoria dei giochi è che la struttura del gioco e tutte (o la maggior parte) delle informazioni sono conoscenze comuni. Un'informazione è un sapere comune se tutti sanno che tutti sanno che tutti sanno che tutti sanno questa informazione, all'infinito. Per esempio, se Anne e Bob fanno un gioco e sono entrambi razionali, ed è risaputo che entrambi sono razionali, allora questo significa che Anne sa che Bob è razionale e Bob sa che Anne è razionale. Ma non finisce qui. Anne non solo sa che Bob è razionale, ma sa anche che Bob sa che lei (Anne) è razionale, e così via. Se l'intero gioco, con tutte le sue caratteristiche, è di dominio pubblico, allora si dice che i giocatori hanno informazioni complete. Le informazioni sono incomplete se alcune caratteristiche del gioco non sono di dominio pubblico. Esempi possono includere situazioni in cui un giocatore non conosce tutte le possibili mosse che l'altro giocatore potrebbe fare; quando un giocatore non sa chi è il suo concorrente; o quando un giocatore non sa come i rendimenti si relazionano alle sue azioni.

Il gioco finisce quando si raggiunge l'equilibrio, cio√® dopo che tutti i giocatori hanno preso le loro decisioni e il risultato √® diventato chiaro. L'equilibrio di un gioco si riferisce ad una situazione in cui nessun giocatore vuole cambiare la propria strategia, data la strategia degli altri giocatori. Cio√®, nessuno vuole deviare dalla situazione attuale. Uno dei concetti di equilibrio pi√Ļ famosi √® l'equilibrio di Nash, ma esistono una variet√† di altri concetti di soluzione e perfezionamenti dell'equilibrio di Nash come, ad esempio, l'equilibrio di Bayes-Nash, l'equilibrio di Nash perfetto nei sottogiochi, l'equilibrio perfetto con la mano tremante e molti altri ancora.

I giochi possono essere classificati in base alla loro struttura, alle informazioni che i giocatori hanno, o all'orizzonte temporale del gioco. Il fatto che i giocatori scelgano le loro azioni contemporaneamente o una dopo l'altra determina se si tratta di un gioco in movimento simultaneo o sequenziale. I giochi one-shot sono giochi in cui i giocatori interagiscono una sola volta, mentre un gioco ripetuto √® un gioco in cui i giocatori interagiscono in pi√Ļ periodi di tempo, cio√® ripetutamente. In molti mercati, ad esempio, le imprese si incontrano ogni giorno e competono scegliendo strategicamente i loro prezzi o altri strumenti di concorrenza.

Altre letture

Dato che la teoria dei giochi √® un campo ampio con molte applicazioni diverse, ci sono diversi ottimi libri disponibili se sei interessato all'argomento in generale, mentre c'√® anche una grande variet√† su applicazioni particolari o argomenti pi√Ļ specifici. Un buon punto di partenza √® ‚ÄúTheory of Games and Economic Behavior‚ÄĚ scritto dal matematico John von Neumann e dall'economista Oskar Morgenstern, pubblicato nel 1944. √ą uno dei primi libri di teoria dei giochi mai scritti ed √® un classico nel campo.

Buono a sapersi

La teoria dei giochi non viene utilizzata solo in economia, ma anche applicata in una varietà di altri campi, soprattutto nelle scienze sociali, ma anche altrove. In biologia, ad esempio, la teoria dei giochi viene utilizzata per studiare le dinamiche della popolazione (riproduzione, mutazione ed estinzione). Questa branca della teoria dei giochi è chiamata teoria dei giochi evolutiva ed è stata sperimentata da John Maynard Smith. Psicologi e neuroscienziati applicano la teoria dei giochi nei loro esperimenti e studi. Oltre a questo, gli approcci della teoria dei giochi sono utilizzati in matematica, nelle scienze politiche, nella gestione e nei campi della ricerca operativa, dell'ingegneria elettrica e delle scienze informatiche.