Economics Terms A-Z - I più importanti termini in economia.

a b c d e f g h i j k l m n o p q r s t u v w x y z

Politica monetaria

La politica monetaria si riferisce all'insieme delle politiche che le autorità monetarie come le banche centrali adottano per controllare l'offerta di denaro di un paese e, di conseguenza, l'attività economica. Secondo la teoria economica, i cambiamenti nell'offerta di denaro, cioè nella quantità di denaro (in contanti e depositi) fornita dalle banche centrali e utilizzabile nelle transazioni economiche, influenzano gli investimenti e di conseguenza la crescita economica. Gli incrementi dell'offerta di moneta favoriscono gli investimenti e le spese, che si traducono in una maggiore produzione e in una minore disoccupazione, mentre allo stesso tempo aumentano l'inflazione. Le diminuzioni della massa monetaria, d'altra parte, smorzano gli investimenti e le spese, il che porta a una diminuzione della produzione e a una maggiore disoccupazione, mentre allo stesso tempo abbassano l'inflazione.

Quindi, come fa la banca centrale a controllare l'offerta di denaro? Le banche centrali hanno a disposizione diversi strumenti per controllare l'offerta di denaro di un paese: il tasso di sconto, le operazioni di mercato aperto e la riserva obbligatoria. Il tasso di sconto è il tasso di interesse al quale le banche commerciali possono prendere un prestito alla banca centrale. Con un tasso di sconto più basso, prendere in prestito denaro dalla banca centrale è più attraente (meno da ripagare) e quindi la domanda di prestiti aumenta. Il denaro preso in prestito dalle banche commerciali dalla banca centrale a sua volta è reso disponibile alle famiglie e alle imprese private (anche sotto forma di prestiti) che usano questo denaro per consumare beni e servizi. Allo stesso tempo, un tasso di interesse più basso rende il risparmio meno attraente per le famiglie, che potrebbero consumare una quota maggiore del loro reddito e risparmiare meno. Quindi, abbassando il tasso di sconto, la banca centrale può aumentare l'offerta di denaro. Allo stesso modo, un tasso d'interesse più alto rende il prestito meno attraente, le banche commerciali prenderanno in prestito meno denaro dalla banca centrale, e di conseguenza ci sarà meno denaro disponibile per i prestiti alle famiglie e alle imprese private. Quindi, se la banca centrale vuole diminuire l'offerta di denaro, può aumentare il tasso di sconto.

Un altro strumento per controllare l'offerta di denaro sono le operazioni di mercato aperto. Le operazioni di mercato aperto si riferiscono all'acquisto o alla vendita di titoli di stato da parte della banca centrale. Se la banca centrale decide di acquistare titoli di stato, i quali sono detenuti da famiglie, imprese o banche commerciali, questo aumenta la quantità di denaro che circola nell'economia. Vendendo titoli di stato la banca centrale scambia alcuni dei titoli di stato che detiene con denaro detenuto da famiglie, imprese e banche commerciali e quindi riduce la quantità di denaro che circola nell'economia.

Teoricamente, la banca centrale ha un terzo strumento per controllare l'offerta di denaro: la riserva obbligatoria. Per ogni euro/dollaro/sterlina che viene depositato in un conto bancario, la banca ne presta una certa frazione a una terza parte e tiene una certa frazione del deposito nei suoi caveau come riserva. La riserva obbligatoria è la frazione di ogni deposito che la banca è legalmente obbligata a tenere come riserva, cioè che non può prestare. L'obbligo di riserva è fissato dalle banche centrali. Aumentando la riserva obbligatoria, la banca centrale diminuisce l'offerta di denaro perché le banche commerciali hanno meno denaro da dare in forma di prestito. Se la banca centrale vuole aumentare l'offerta di denaro, può diminuire la riserva obbligatoria. Mentre i cambiamenti del tasso di sconto e le operazioni di mercato aperto sono comunemente usati per alterare l'offerta di denaro, i cambiamenti nella riserva obbligatoria sono invece rari nella pratica.

Ora passiamo alle politiche espansive e restrittive. A seconda che la banca centrale aumenti o riduca l'offerta di moneta, si dice che essa impiega una politica monetaria espansiva o restrittiva. La politica monetaria espansiva descrive le politiche monetarie che portano ad un aumento dell'offerta di moneta, come, per esempio, la diminuzione del tasso di sconto o l'acquisto da parte della banca centrale di titoli di stato attraverso operazioni di mercato aperto. Secondo la teoria economica, le politiche monetarie espansive stimolano gli investimenti e la spesa dei consumatori, il che porta ad un aumento della produzione. Questo diminuisce anche il tasso di disoccupazione e stimola il consumo. Pertanto, le politiche espansive sono considerate appropriate per stimolare la crescita durante le recessioni, quando la disoccupazione è alta e la produzione bassa.

Un problema che accompagna le politiche monetarie espansive è un aumento del livello dei prezzi. In altre parole, un aumento dell'offerta di denaro porterà a tassi di inflazione più alti. C'è un ampio accordo tra gli economisti sul fatto che una crescita economica stabile si ottiene nel modo migliore quando i tassi di inflazione sono bassi/moderati e costanti. Un'inflazione elevata è problematica perché il valore del denaro diminuisce e i consumatori possono preferire conservare la loro ricchezza sotto forma di beni piuttosto che di denaro. In casi estremi, un'inflazione molto alta può indurre i consumatori ad accumulare certi beni che possono creare carenze. L'investimento e il risparmio sono scoraggiati, il che rallenta anche la crescita economica. In tempi di inflazione elevata le politiche monetarie restrittive possono essere usate per abbassare l'inflazione e stabilizzare l'economia. Le politiche monetarie restrittive sono politiche che diminuiscono l'offerta di denaro, come l'aumento dei tassi di interesse o la vendita di titoli di stato attraverso operazioni di mercato aperto da parte della banca centrale. Un tasso d'interesse più alto rende il risparmio più attraente della spesa e quindi diminuisce la domanda di prestiti, dato che indebitarsi diventa più costoso. Di conseguenza, gli investimenti e i consumi diminuiscono, così come la produzione. Una produzione più bassa a sua volta porterà ad un aumento della disoccupazione, che può smorzare ulteriormente il consumo e condurre ad un calo del livello dei prezzi.

Altre letture

L'obiettivo principale delle politiche monetarie è quello di assicurare una crescita economica costante e a lungo termine e di stabilizzare l'economia in tempi di crisi. Molti economisti hanno studiato le reazioni dei governi durante le crisi finanziarie per valutare gli effetti delle politiche monetarie su produzione, inflazione e disoccupazione. Jannsen et. al, dimostrano nel loro articolo "Monetary policy during financial crises: Is the transmission mechanism impaired?" (International Journal of Central Banking, 2019) che gli effetti della politica monetaria sulla produzione e sull'inflazione dipendono dal momento della loro attuazione, e hanno effetti maggiori durante le crisi finanziarie. Gli autori hanno rilevato che le differenze nei tempi e nelle proporzioni delle politiche monetarie adottate durante la crisi finanziaria del 2008/09 contribuiscono a spiegare le differenze nella performance macroeconomica dei diversi paesi dopo la crisi.

Buono a sapersi

Durante la pandemia di COVID-19 molti paesi hanno reagito con severe misure di chiusura per fermare la diffusione del virus, misure che allo stesso tempo hanno avuto gravi conseguenze economiche come l'aumento della disoccupazione e la diminuzione della produzione. Le misure per prevenire la diffusione del COVID-19 differiscono da paese a paese, così come le politiche pubbliche per proteggere l'economia. Il Fondo Monetario Internazionale (FMI) fornisce sul suo sito web un policy tracker con informazioni sulle principali risposte economiche che i governi stanno prendendo per limitare l'impatto economico della pandemia di COVID-19. In questo tracker, che include 196 paesi, puoi dare un'occhiata alle politiche monetarie che i diversi paesi hanno adottato in risposta alla crisi.