Economics Terms A-Z - I più importanti termini in economia.

a b c d e f g h i j k l m n o p q r s t u v w x y z

Il monopolio

Un monopolio descrive un mercato in cui c'è una sola impresa che non affronta alcuna concorrenza. Un monopolista è un'impresa che offre un prodotto o un servizio unico senza stretti sostituti, e quindi non ha concorrenti. Ciò significa che il monopolista affronta l'intera domanda del mercato, e ogni cliente interessato ad acquistare il prodotto può scegliere se comprare dal monopolista al corrispondente prezzo o non comprare affatto. Dato che i consumatori non hanno alternative al prodotto del monopolista (eccetto non comprare) il monopolista, al contrario di un'impresa in concorrenza perfetta, può applicare un prezzo superiore ai costi marginali. Ricorda che in concorrenza perfetta ci sono così tanti acquirenti e venditori che nessuno può influenzare il prezzo, e le imprese devono fissare il prezzo ai costi marginali. Se un'impresa in concorrenza perfetta decide di applicare un prezzo superiore ai costi marginali non venderà nulla, perché i consumatori hanno molte altre alternative. La mancanza di alternative per i consumatori in un mercato monopolizzato permette al monopolista di applicare un prezzo più alto, perché ci saranno sempre consumatori interessati ad acquistare il bene anche se il prezzo è superiore ai costi marginali.

Il prezzo di monopolio

Il monopolista è un'impresa che massimizza i profitti, e quindi applicherà un prezzo che massimizza i suoi profitti data la domanda del mercato. Come fa il monopolista a massimizzare i profitti? I profitti sono la differenza tra i ricavi totali e i costi totali. Quando il monopolista decide quante unità vendere, confronta la variazione del ricavo totale dalla vendita di un'unità in più, cioè il ricavo marginale, con l'aumento dei costi totali, cioè i costi marginali di questa unità. Il ricavo marginale di un monopolista è inferiore al prezzo di mercato, perché per vendere più unità il monopolista deve ridurre il prezzo per tutte le unità. Finché il ricavo marginale supera i costi marginali, la produzione di un'unità supplementare aumenterà il ricavo totale più dei costi totali, il che significa che il profitto aumenta. Non appena i costi marginali superano il ricavo marginale, il monopolista ridurrà la produzione perché vendere più unità farà diminuire il suo profitto. Di conseguenza, il monopolista massimizza i suoi profitti alla quantità in cui i costi marginali sono uguali ai ricavi marginali. A questo punto non ha senso per il monopolista né aumentare né diminuire la quantità.

Matematicamente, il monopolista massimizza i profitti π rispetto alla sua quantità, dove:

monopoly

Prendendo la derivata rispetto alla quantità q e ponendo la derivata uguale a zero, si ottiene la seguente condizione del primo ordine:

monopoly

I primi due termini sul lato sinistro sono i ricavi marginali e l'ultimo termine sono i costi marginali del monopolista. Quindi, otteniamo il risultato che alla quantità ottimale il ricavo marginale (MR) deve essere uguale ai costi marginali (MC):

monopoly

Vediamo un semplice esempio. Supponiamo che un monopolista produca a costi marginali costanti pari a 2, cioè C(q) = 2q e affronti la domanda di mercato q = 8 - p. Il monopolista massimizza i profitti π = (8 - q)q - 2q quando il ricavo marginale, che è uguale a MR = 8 - 2q, è uguale ai costi marginali. In questo esempio, la quantità ottimale del monopolista è uguale a 3 e il prezzo (che troviamo ricollegando la funzione di domanda) è uguale a 5. Per qualsiasi quantità inferiore a 3, il monopolista può aumentare il suo profitto aumentando la produzione. Se la quantità supera 3, i profitti diminuiscono di nuovo all'aumentare della quantità.

P

0

1

2

3

4

5

6

7

8

Q

8

7

6

5

4

3

2

1

0

Profitti Ï€ 

-16

-7

0

5

8

9

8

5

0

Il prezzo che il monopolista applica è più alto del prezzo di mercato in concorrenza perfetta (che è uguale ai costi marginali) e la quantità di monopolio è inferiore alla quantità in un mercato perfettamente competitivo. Questo significa che ci sono alcuni clienti che sarebbero disposti a comprare il bene a un prezzo superiore ai costi marginali, ma non al prezzo di monopolio, e quindi ci sono guadagni commerciali non realizzati. Il surplus del consumatore è inferiore al surplus del consumatore in un mercato perfettamente competitivo. Questa perdita di surplus del consumatore non è completamente compensata da un aumento dei profitti, il che significa che c'è una perdita secca. Nella figura il triangolo rosso mostra la perdita di efficienza (o perdita secca) dovuta al monopolio nel caso di una domanda di mercato lineare e costi marginali costanti.

monopolyQuanto il prezzo di monopolio sarà al di sopra dei costi marginali dipende dall'elasticità della domanda. Se la domanda non è elastica, il che significa che un aumento relativamente alto del prezzo causerà solo una piccola riduzione della quantità richiesta, il monopolista può applicare un mark-up più alto. Nel caso di una domanda elastica, il monopolista perde molti clienti aumentando il prezzo e quindi ha meno possibilità di applicare un mark-up elevato. La possibilità di applicare un prezzo superiore ai costi marginali è ciò a cui ci riferiamo quando parliamo del potere di mercato di un monopolista. Il potere di mercato del monopolista può essere misurato dall'indice di Lerner, che è definito come:

monopoly

Dove ε è l'elasticità della domanda rispetto al prezzo. L'indice di Lerner prende come riferimento un valore tra 0 e 1, dove 0 indica che l'impresa non ha potere di mercato e deve applicare un prezzo uguale ai costi marginali. Più l'indice di Lerner è vicino a 1, più potere di mercato ha quell'impresa. Più alto è il valore assoluto dell'elasticità della domanda (più elastica è la domanda), più debole è il potere di mercato dell'impresa. Questo significa che il monopolista applicherà un mark-up più alto nei mercati in cui la domanda è meno elastica rispetto al prezzo.

Perché esistono i monopoli?

Ci sono diverse ragioni per cui alcuni mercati sono e rimangono monopolizzati. In alcuni mercati le barriere all'entrata rendono difficile l'ingresso di potenziali concorrenti. Per esempio, se una società controlla l'accesso a una risorsa essenziale, i concorrenti che non hanno accesso alla risorsa non possono competere sul mercato. In alcune situazioni è il governo a creare monopoli, come ad esempio nel caso dei brevetti. Un brevetto garantisce uno status di monopolio temporaneo al titolare del brevetto. Oltre a questo, la natura della produzione può essere tale che i costi totali per servire i clienti sono più bassi se solo un'impresa se ne occupa, anziché due o più imprese. Se questo è il caso, chiamiamo il monopolio risultante anche monopolio naturale.

Altre letture

Come sottolineato sopra, il problema con i monopoli è che quando la quantità scambiata in un mercato è bassa il benessere complessivo si riduce. Pertanto, i governi sono interessati a sapere come regolare un monopolio e ridurre la perdita di benessere che ne deriva. Un economista che ha ampiamente studiato il potere di mercato e la regolamentazione è Jean Tirole. Per il suo lavoro, nel 2014 Jean Tirole ha vinto il premio Sveriges Riksbank per le scienze economiche in memoria di Alfred Nobel, ovvero l’ambito premio Nobel.

Buono a sapersi

I monopoli puri sono rari, ma esistono diversi esempi di mercati con imprese dominanti che controllano una parte decisiva della quota di mercato. Alcuni di questi esempi sono il mercato dei diamanti (De Beers), degli occhiali (Luxottica), dei sistemi operativi (Microsoft) e altri. Il potere di mercato di queste imprese non dipende solo dalla loro quota di mercato, ma anche da altri fattori come ad esempio l'elasticità della domanda nel mercato. Pertanto, quando le autorità garanti della concorrenza cercano di determinare se un'impresa sta diventando troppo potente e potrebbe abusare di questo potere, non prendono solo in considerazione la quota di mercato della stessa, ma piuttosto si concentrano sulla possibilità che l'impresa applichi un prezzo superiore ai costi marginali.