Le dieci sfide più grandi per gli studenti di dottorato

Le dieci sfide più grandi per gli studenti di dottorato

Svolgere un dottorato di ricerca è un compito incredibilmente arduo. Normalmente, durante almeno 3 anni, ci sono alcune sfide che quasi certamente dovrai affrontare. Qui di seguito, esaminiamo alcuni dei problemi più grandi (e più comuni) che gli studenti di dottorato incontrano. Se stai prendendo in considerazione un dottorato di ricerca, o ne hai appena iniziato uno, la consapevolezza avanzata di questi stress potrà aiutarti a superarli se mai dovessi fare la loro conoscenza (non preoccuparti, abbiamo le dita incrociate). Inoltre, sapere che sono spesso vissuti e che non hanno nulla di straordinario ti darà, si spera, un po' di conforto. Ok, cominciamo.

1. Isolamento

Uno dei problemi più comuni per i dottorandi è la sensazione di isolamento. I dottorandi spesso lavorano da soli, avendo poche, o a volte nessuna persona nel loro progetto, mentre gli amici possono lavorare in ufficio e in gruppo, godendo di un lato molto più sociale del tipico lavoro da 8 ore al giorno. Prevedibilmente, questo può portare alla solitudine, alla mancanza di motivazione e alla paura che nessuno capisca, o che si possa relazionare con i problemi che stai vivendo. Come antidoto a questo, è consigliabile fare uno sforzo per entrare in contatto con altri studenti laureati. Ci sono molti modi per farlo, ad esempio, attraverso i club di riviste, conferenze o il networking. Stare in contatto con altri studenti di dottorato ti darà qualcuno con cui parlare, con cui lamentarti e ti aiuterà ad alleviare questi sentimenti dirompenti e negativi. Rompere semplicemente la routine (/monotonia) dello studio può farti un mondo di bene!

2. Stress

Con scadenze incombenti, progetti su larga scala e un enorme investimento personale, un dottorato di ricerca può essere estremamente stressante. A questo si aggiunge il fatto che tutto dipende sempre da te e da te solo, rendendo gli alti e i bassi più alti e i bassi... beh, non parliamone. È stato scoperto che i dottorandi hanno alti livelli di disturbi mentali, probabilmente correlati agli alti livelli di stress che devono sopportare. Per questo motivo, è imperativo trovare modi sani di decomprimere, mediante l'esercizio fisico, la meditazione, l'arte o qualsiasi altra cosa. Qualsiasi università degna di questo nome avrà anche servizi di salute mentale che possono essere richiesti se le cose si fanno particolarmente difficili. Indipendentemente da quanto stia male, è sempre utile parlarne con qualcuno. Nessun problema è troppo piccolo.

3. Conflitto con il tuo supervisore

Un altro problema comune può essere costituito da problemi che sorgono tra i dottorandi e i loro supervisori. I supervisori sono in parte capo, in parte mentori e in parte amico occasionale. È una strana combinazione il cui equilibrio, a volte, può essere difficile da mantenere. Quando i disaccordi emergono e, naturalmente, nell'arco di 3 anni, è naturale che si manifestino, alcuni studenti possono sentire di doversi immediatamente adeguare ai desideri del supervisore più anziano ed esperto. Anche in questo caso, una rete di supporto di dottorandi intorno a te può aiutarti a superare queste sfide. Inoltre, la familiarità con il corpo docente in un senso più ampio (che è consigliabile) ti permetterà di sondare più opinioni, magari aiutandoti a chiarire un punto di particolare contesa. Chissà, forse avevi ragione fin dall'inizio!

4. Problemi di sovvenzione

La maggior parte dei dottorandi fa affidamento su finanziamenti esterni per mantenersi durante gli studi. Purtroppo, anche questa può essere una fonte di preoccupazione. I finanziamenti possono, a volte, essere precari. Si sa, ad esempio, che i finanziamenti vengono ridotti quando si è ancora a metà del dottorato di ricerca. Questa è una posizione precaria nella quale trovarsi, e assicurarsi nuovi finanziamenti può essere estremamente stressante. Idealmente, i supervisori dovrebbero essere a disposizione per aiutare in questo senso. Non bisogna mai pensarci due volte prima di rivolgersi a loro per un consiglio, sono lì per questo. Tuttavia, si raccomanda anche agli studenti di assicurarsi di essere finanziariamente sicuri, o almeno di avere un po' di soldi da parte in caso di emergenza.

5. Gestione del tempo

Così tanto da fare, così poco tempo per farlo! Questo è probabilmente il mantra della nostra epoca... Imparare quando cogliere nuove opportunità e quando dire no a incarichi extra è un'abilità che ogni accademico dovrebbe sviluppare, se vuole evitare di impazzire. Questa può essere affinata sapendo come stabilire le priorità. Cosa è assolutamente essenziale che io finisca oggi? Che cosa, in un attimo, potrei rimandare a domani?  Mettere a disposizione abbastanza tempo nella tua giornata per svolgere questi compiti ti aiuterà in questo processo e ti permetterà, quando necessario, di dire "no, non ho letteralmente il tempo per questo". Ovviamente aiuta anche l'essere organizzati e programmare con cura i tuoi appuntamenti. E ricorda, è meglio fare alcune poche bene, piuttosto che molte male.

6. Equilibrio tra lavoro e vita

A volte sembra che i dottorandi siano tenuti a studiare tutto il tempo, a stare in ufficio ogni fine settimana e a lavorare fino a tardi ogni giorno. Ma questo non è sostenibile: hai bisogno anche di tempo per gli hobby, gli amici e la famiglia per funzionare al massimo livello. Questo può sembrare un punto davvero ovvio da sottolineare, eppure molti studenti soffrono ancora degli effetti di avere un programma incredibilmente sbilanciato. Gli studenti dovrebbero sempre ricordare che trovare il tempo per attività al di fuori del dottorato è vitale per il successo a lungo termine. Una sana vita sociale, un regolare esercizio fisico e attività culturali saranno stimolanti, divertenti e probabilmente ti renderanno più felice. La felicità è l'obiettivo finale di tutto: dovrebbe essere valorizzata.

7. Carenza di supporto istituzionale

Alcune università sono migliori di altre nel sostenere i dottorandi. Le migliori università hanno ampi programmi per aiutarli attraverso mentoring, laboratori ed eventi sociali, mentre in altre università gli studenti sono lasciati a cavarsela da soli. Le scuole di specializzazione possono essere utili in questo caso, in quanto sono orientate a soddisfare le esigenze specifiche dei dottorandi. Cerca di scoprire che tipo di sostegno viene offerto dalla tua istituzione: potresti trovarne più di quanto pensi!

8. Carenza di supporto personale

Un'altra sfida per i dottorandi è la mancanza di sostegno personale. Amici, partner e familiari potrebbero non capire il valore di un dottorato di ricerca e potrebbero non essere d'accordo con la scelta di perseguirne uno. Molti studenti di dottorato sono stati angosciati da un parente ben intenzionato che chiedeva quando avrebbero finito il dottorato e trovato un vero lavoro. Questa è un'altra ragione per entrare in contatto con altri dottorandi, che possono capire lo stress che stai vivendo e darti il supporto di cui hai bisogno. Condividere questi punti in comune aiuta anche a far luce su di essi: "Dio, mio fratello mi ha chiesto di nuovo quando avrei...".

9. Preoccupazioni per il futuro

Oltre a preoccuparsi dei loro progetti attuali, molti dottorandi si sentono anche preoccupati per il loro futuro. In questo mercato del lavoro incerto e in un mondo accademico intensamente competitivo, non c'è alcuna garanzia che ottenere un dottorato di ricerca porti a un lavoro desiderabile (noi ci auguriamo di sì!). Detto questo, la ricerca dimostra che avere un dottorato di ricerca all'attivo aumenta enormemente le possibilità non solo di ottenere un lavoro, ma anche di essere pagati meglio e di godere di una maggiore soddisfazione lavorativa. Per assicurarti di godere di tutti questi benefici, è ragionevole iniziare la ricerca di un lavoro in anticipo. Ricorda anche che tutte le competenze trasferibili che svilupperai durante il tuo dottorato di ricerca potrebbero aiutarti a trovare un lavoro nel settore, se senti di averne abbastanza del mondo accademico.

10. Problemi con la motivazione

Infine, con un dottorato di ricerca che normalmente richiede almeno tre anni (come minimo), è difficile per chiunque mantenere la motivazione per tutta la durata del progetto. Sentirsi stufi, annoiati o insoddisfatti del proprio progetto è un'esperienza molto comune! Quando le cose non vanno così bene e la motivazione è bassa, dovresti prendere in considerazione l'idea di concederti una pausa. Qualche giorno o anche una settimana di assenza dal progetto può essere davvero utile, consentendoti di tornare al tuo progetto rinvigorito e di guardarlo da una nuova prospettiva. Magari vedrai qualcosa che prima ti era sfuggito o, ancora meglio, forse ti renderai conto che il lavoro che hai fatto è in realtà molto meglio di quanto pensavi. Questo può essere brillantemente motivante. In più, probabilmente ti sei comunque meritato una pausa!