Economics Terms A-Z - I più importanti termini in economia.

a b c d e f g h i j k l m n o p q r s t u v w x y z

I mercati dei fattori produttivi

I mercati dei fattori (o mercati delle risorse) sono mercati per gli input alla produzione. Un produttore è tipicamente un venditore nel mercato di un prodotto (offerta SG nel grafico sottostante) e contemporaneamente è un acquirente nei mercati dei suoi fattori di produzione (domanda DF sotto).

Factor MarketsI sistemi economici comprendono molti mercati interconnessi tra loro. Ad esempio, il mercato delle automobili dipende dai mercati delle materie prime come l’acciaio, la gomma e il vetro, dei componenti elettronici, così come dai mercati del lavoro per le persone che progettano e assemblano le automobili. Ciò che accade in un mercato può avere un “effetto a catena” sui mercati circostanti. Se il prezzo dell'acciaio aumenta, allora non ci dovrebbe volere molto perché l’offerta di automobili si riduca, spingendo al rialzo il loro prezzo. D’altra parte, se il prezzo del carburante aumenta, la domanda di automobili diminuirà (vedi l’elasticità incrociata della domanda), riducendo così la domanda di acciaio da parte dei produttori di automobili.

Nel decidere la quantità di un fattore di produzione da impiegare, i produttori valutano il suo costo marginale (MC) rispetto al suo ricavo marginale per prodotto (MRP). MC deriva dai prezzi del mercato dei fattori, mentre il MRP dipende dal mercato del prodotto finale. Finché l’ultima unità di input aggiunge più al reddito che al costo (MRP > MC), ha ancora senso economico impiegarlo.

Se ci fosse una concorrenza perfetta in tutti i mercati, allora gli effetti di uno shock della domanda o dell’offerta in un mercato sui prezzi negli altri mercati sarebbero relativamente facili da calcolare. Tuttavia, in realtà, la maggior parte dei mercati esiste in uno stato di concorrenza imperfetta, il che significa che il potere non è equamente bilanciato tra acquirenti e venditori. Il mercato del lavoro è un mercato di fattori in cui i prezzi (cioè i salari) sono spesso influenzati dalla contrattazione collettiva attraverso i sindacati, o dalla decisione di un governo di attuare un salario minimo o di intervenire con qualche altra regolamentazione. I produttori possono quindi trovarsi schiacciati tra un alto grado di concorrenza nei mercati dei loro prodotti finali e la pressione del monopsonio nei loro mercati dei fattori.

Le interdipendenze tra i mercati dei fattori produttivi e dei prodotti forniscono a volte un buon motivo per i produttori e i fornitori per unirsi lungo la catena di fornitura (la cosiddetta integrazione verticale). In effetti, i contratti di vendita sono quindi sostituiti da contratti di lavoro e da transazioni interne gratuite tra i reparti. Se da un lato tali cambiamenti nella struttura proprietaria possono aiutare i produttori a controllare i rischi e ad aumentare l'efficienza, dall'altro tendono anche a ridurre la concorrenza che può portare a fallimenti del mercato e a problemi di antitrust. Per definizione, l’analisi dell’equilibrio parziale ceteris paribus è insufficiente per comprendere l’impatto di un cambiamento di equilibrio in un mercato dei fattori sugli equilibri nei mercati correlati. È quindi necessario un approccio di equilibrio generale che comprenda gli effetti a catena e i cambiamenti su più mercati.

Altre letture

John Dunlop e Benjamin Higgins discutono di come le diverse forme di concorrenza nei mercati dei fattori possano influenzare i salari e i prezzi in tutta l'economia utilizzando un approccio di equilibrio generale nel loro lavoro iniziale “‘Bargaining Power’ and Market Structures” (Journal of Political Economy, 1942).

Buono a sapersi

Una buona conoscenza dei mercati dei fattori è indispensabile per effettuare investimenti di successo sul mercato azionario. Nel valutare il potenziale futuro di un'azienda è importante non solo considerare la concorrenza diretta nel mercato dei prodotti finali, ma anche le tendenze dei mercati dei fattori e i loro probabili effetti sulla performance futura. In generale, maggiore è il grado di concorrenza nei mercati dei fattori e minore è il grado di concorrenza nel mercato dei prodotti finali, maggiore è il valore di un'impresa produttrice.