Economics Terms A-Z - I più importanti termini in economia.

a b c d e f g h i j k l m n o p q r s t u v w x y z

Economics Terms A-Z

Le barriere commerciali

Le barriere commerciali si riferiscono agli ostacoli introdotti dai governi per limitare il libero scambio tra le economie nazionali. Le barriere commerciali rappresentano quindi essenzialmente interventi nei mercati che operano a livello internazionale. Le barriere commerciali includono tariffe (tasse) sulle importazioni (e occasionalmente sulle esportazioni) e barriere non tariffarie al commercio come quote di importazione, sussidi all'industria nazionale, embarghi sul commercio con particolari paesi (di solito per ragioni geopolitiche), e licenze per importare beni nel sistema economico.

La teoria dei vantaggi comparati afferma che, finché i paesi hanno accesso alle risorse in proporzioni diverse (cioè a costi relativi diversi), allora tutti guadagneranno dal commerciare l'uno con l'altro: ogni paese deve semplicemente dedicare le risorse alle industrie in cui la produzione interna è più efficiente per poi limitarsi a commerciare per soddisfare la domanda interna. Da questo punto di vista, limitare il commercio tra le economie si traduce in una perdita secca. Gli economisti, sempre alla ricerca dell'efficienza, tendono quindi a concordare nel dire che il libero scambio è una buona cosa e che le barriere commerciali sono da evitare.

Ciononostante, le barriere commerciali stanno diventando comuni in tutto il mondo, dato che molti governi stanno assumendo un atteggiamento protezionista nei confronti delle loro economie. Sebbene i paesi nel loro insieme tendano a guadagnare dal libero scambio, man mano che più paesi partecipano all'economia mondiale, la concorrenza nella produzione si intensifica, portando a perdite per certi gruppi all'interno dei vari paesi. I salari e i posti di lavoro in particolari industrie possono trovarsi sotto pressione. In teoria, questo problema può essere risolto con la riqualificazione e la riallocazione di persone e posti di lavoro in aree più produttive dell'economia. Tuttavia, le barriere commerciali possono avere un effetto più immediato e sono perciò favorite da molti cittadini e politici.

Un primo esempio di questa situazione è l'attuale disputa commerciale tra gli Stati Uniti e la Cina e le discussioni in corso tra i rispettivi governi riguardo alle tariffe sulle importazioni. Inoltre, la decisione dell'elettorato britannico di lasciare l'Unione Europea può essere spiegata in parte da un'avversione alla libera circolazione delle persone; l'uscita dal blocco effettivamente erige una barriera non tariffaria al commercio del lavoro come fattore di produzione. Anche all'interno dell'Unione Europea, dove non ci sono tariffe sui beni e servizi scambiati, le barriere non tariffarie persistono attraverso le variazioni delle aliquote fiscali nazionali, i diversi standard tecnici di produzione, così come i pregiudizi dei governi nazionali a favore delle imprese locali. L'Unione Europea applica anche severe norme di sicurezza alimentare e farmaceutica, imponendo licenze per l'importazione di prodotti extracomunitari in questi settori.

Le argomentazioni a favore e contro le barriere commerciali si riducono tipicamente a una classica discussione sull'efficienza economica da un lato (ridurre le barriere per creare una torta più grande) e la giustizia distributiva dall'altro (implementare le barriere per controllare come la torta è condivisa).

Altre letture

Paul Krugman ha ricevuto il premio Nobel per l'economia nel 2008 per il suo lavoro sulla New Trade Theory, che spiega perché l'intervento commerciale può avere senso quando i mercati sono imperfetti. Per una rinfrescante visione critica della difesa inequivocabile del libero scambio da parte degli economisti, dai un'occhiata al suo articolo “The narrow and broad arguments for free trade” (American Economic Review, 1993).

Buono a sapersi

Le barriere commerciali all'interno della disciplina stessa dell'economia sono poche e lontane tra loro. Gli studenti di economia hanno un vantaggio comparativo rispetto ai loro colleghi in materie più tradizionalmente legate alla nazione, come legge e medicina, poiché i sistemi legali e sanitari tendono ad essere specifici per ogni paese. Di fatto, l'economia ha una natura flessibile e i principi economici possono essere applicati praticamente ovunque. Questo facilita lo scambio internazionale di studenti tra i dipartimenti di economia durante gli studi. E come laureato in economia, le prospettive di lavoro internazionale sono buone, non ultimo nei settori di importazione ed esportazione, dove una solida conoscenza delle barriere commerciali è un must!