Economics Terms A-Z - I più importanti termini in economia.

a b c d e f g h i j k l m n o p q r s t u v w x y z

Economics Terms A-Z

I tetti massimi di prezzo

Un tetto massimo di prezzo, chiamato anche price cap, è il prezzo massimo che un venditore è per legge autorizzato a praticare per un particolare bene o servizio. È uno strumento di regolamentazione del mercato che i governi possono usare per assicurare che le imprese non abusino del loro potere di mercato facendo pagare ai consumatori prezzi eccessivamente alti. In particolare, per beni che sono considerati di prima necessità come l'acqua, l'elettricità o il cibo, il governo può stabilire massimali di prezzo per proteggere i consumatori. Spesso i massimali di prezzo sono usati solo temporaneamente, in situazioni eccezionali come in tempi di guerra, carestia o dopo catastrofi naturali. Per esempio, durante la pandemia di COVID-19 alcuni paesi hanno stabilito dei tetti di prezzo per il disinfettante per le mani dopo aver osservato aumenti estremi del prezzo di questo prodotto.

Qual è l'impatto di un tetto massimo di prezzo sui consumatori e sui produttori? Consideriamo un mercato perfettamente competitivo dove la domanda di mercato è data da \(q_{D}=10-p\) e l'offerta di mercato è \(q_{S}=2p-2\). Se il governo stabilisce un prezzo massimo inferiore al prezzo di mercato, allora le imprese non saranno in grado di applicare il prezzo di mercato e vendere i loro beni al prezzo stabilito dal governo. Per l'esempio considerato, il prezzo di mercato in un mercato non regolamentato è uguale a 4. Supponiamo che il governo fissi un prezzo massimo a \(\bar{p}\). Poiché questo prezzo è più basso del prezzo di mercato, alcuni clienti che non erano in grado di comprare al prezzo di mercato ora probabilmente compreranno il bene. La quantità richiesta è uguale a 8. La quantità fornita, d'altra parte, diminuisce, perché ad un prezzo di 2 è meno redditizio vendere il bene, e la quantità fornita diminuisce a 2 unità. Poiché la quantità richiesta supera la quantità fornita, c'è un eccesso di domanda.

La figura qui sotto mostra l'effetto di un massimale di prezzo, in un mercato perfettamente competitivo, per curve di domanda e offerta lineari (quelle usate come esempio). Nel caso di un tetto di prezzo, il surplus del produttore diminuisce. (È il triangolo descritto dall'area sotto \(\bar{p}\) e sopra la curva di offerta). Il surplus del consumatore può aumentare o diminuire a seconda della funzione di domanda e dell'altezza del tetto dei prezzi. Il benessere totale diminuisce, a causa della diminuzione della quantità scambiata. L'area arancione ombreggiata è la perdita di efficienza attribuibile al tetto dei prezzi.

 

price ceiling

Prezzo minimo 

Un prezzo minimo ("price floor") è il prezzo più basso possibile che i compratori possono pagare per un bene. L'esempio più noto di un price floor è il salario minimo. Un prezzo minimo è un altro strumento di regolamentazione del mercato che i governi possono usare nei mercati in cui la domanda ha potere di mercato e di conseguenza può costringere l'offerta a offrire il proprio bene o servizio a prezzi estremamente bassi.

Molti paesi hanno un salario minimo per proteggere i lavoratori e gli impiegati dal dover lavorare a salari inaccettabilmente bassi. Nel mercato del lavoro i lavoratori determinano l'offerta (forniscono più lavoro a un salario più alto), mentre le imprese determinano la domanda (sono interessate ad assumere più lavoratori a un salario più basso) e il salario è il prezzo del lavoro.

Lo scopo di un salario minimo è chiaro: il governo cerca di impedire alle imprese di sfruttare la forza lavoro offrendo salari troppo bassi. Ma perché alcuni economisti sono scettici sui benefici del salario minimo? Per rispondere a questa domanda, possiamo di nuovo usare i nostri grafici della domanda e dell'offerta per analizzare come un salario minimo influenza il mercato del lavoro. Supponiamo che l'offerta sia data da \(q_{S}=2p-2\) e la domanda sia \(q_{D}=10-p\). L'equilibrio in questo mercato (senza intervento del governo) sarà dato da un prezzo di 4 e una quantità di 6. Se interpretiamo il nostro mercato come il mercato del lavoro, potremmo dire che 4 è il salario orario in situazione di equilibrio.

Ora supponiamo che il governo decida di fissare un salario minimo. Se questo salario è inferiore a 4, l'allocazione del mercato non cambierà (le imprese stanno comunque pagando un salario superiore al salario minimo in equilibrio). Ma cosa succederà se il governo fissa un salario minimo pari a 5? Le imprese vorranno assumere 5 lavoratori a questo salario minimo, mentre in totale 8 lavoratori vorranno lavorare a questo salario. La differenza tra la quantità fornita e quella richiesta (l'eccesso di offerta) sono i lavoratori che non ottengono un lavoro, e sono quindi disoccupati. Questo è il motivo per cui alcuni economisti sostengono che dobbiamo stare attenti quando fissiamo un salario minimo, perché questo può aumentare la disoccupazione. In generale, un prezzo minimo superiore al prezzo di mercato danneggia il lato della domanda, cioè il surplus del consumatore diminuisce. (Nella figura è l'area che corrisponde al triangolo sopra \(\underline{p}\) e sotto la curva di domanda). Il surplus del produttore può aumentare o diminuire a seconda della funzione di offerta e del prezzo minimo. Il surplus totale diminuisce perché la quantità scambiata diminuisce, e si arriva a una perdita di benessere, chiamata anche perdita secca, descritta dall'area arancione ombreggiata nella figura sottostante.

 

price floor

In un mercato perfettamente competitivo, il surplus totale è massimo e qualsiasi regolamentazione dei prezzi causerà una diminuzione dell'efficienza. I mercati perfettamente competitivi non hanno bisogno di essere regolati, ma se un lato del mercato ha potere di mercato (ad esempio se il venditore è un monopolista), la regolamentazione dei prezzi può migliorare l'efficienza e diminuire la perdita di benessere.

Altre letture

Nel modello semplice di un mercato del lavoro perfettamente competitivo, un salario minimo fa aumentare la disoccupazione e diminuisce l'efficienza. Molti mercati non sono perfettamente competitivi, e gli interventi del governo, come la regolamentazione dei prezzi, possono migliorarne l'efficienza. Cahuc e Michel (European Economic Review, 1996) mostrano che la legislazione sul salario minimo può favorire la crescita economica, perché la bassa domanda di lavoro non qualificato può creare incentivi per i lavoratori a sviluppare più capitale umano.

Buono a sapersi

Durante la pandemia di COVID-19 nel 2020 vari paesi hanno fissato dei massimali di prezzo per diversi beni. Il Fondo Monetario Internazionale consiglia a tutti i paesi di usare il controllo dei prezzi se questo aiuta a "garantire il funzionamento dei settori essenziali". Diversi paesi hanno stabilito tetti di prezzo per diversi tipi di beni come mascherine, disinfettante per le mani o carta igienica. I tetti dei prezzi durante i periodi "normali" sono talvolta utilizzati per regolare i mercati di beni come i farmaci o i servizi di pubblica utilità.