Economics Terms A-Z - I più importanti termini in economia.

a b c d e f g h i j k l m n o p q r s t u v w x y z

Economics Terms A-Z

L’asimmetria informativa

Se gli operatori di un mercato hanno diversi livelli di informazione sulle reciproche valutazioni del mercato, le informazioni sono asimmetriche o distribuite in modo asimmetrico.

Nella teoria economica classica, si presume che le informazioni siano complete e distribuite in modo omogeneo tra gli operatori del mercato: ogni operatore sa come gli altri valutano il bene che si scambia nel mercato. Ciò semplifica l’analisi del mercato, poiché le azioni degli operatori saranno certe e prevedibili. I risultati di mercato (prezzi e quantità) possono quindi essere facilmente calcolati.

In realtà, però, gli operatori nel mercato tendono a non sapere tutto gli uni degli altri: in altre parole, le informazioni sono distribuite nel mercato in modo asimmetrico. Le informazioni sono preziose, e gli operatori ben informati possono sfruttare le loro conoscenze superiori per ottenere dei risultati migliori rispetto agli operatori meno informati. Ad esempio, i venditori di un bene di solito hanno più informazioni su ciò che stanno vendendo rispetto ai potenziali acquirenti. I venditori possono rivelare delle informazioni che fanno apparire il prodotto ancora più appetibile agli acquirenti, e allo stesso tempo tacere su eventuali informazioni che ridurrebbero il loro valore agli occhi degli stessi. Il prezzo del bene sarà quindi più elevato rispetto a quanto sarebbe stato in un mercato con informazioni complete. È per questo motivo che le imprese spendono parecchio sul marketing e sulla pubblicità!

 

Comprendere la struttura delle informazioni in un mercato (come sono distribuite le informazioni, chi sa cosa su chi) è fondamentale per prevedere cosa accadrà in quel mercato, e questo può essere più importante del possesso delle informazioni stesse. In presenza di un’asimmetria informatica, spesso per l’operatore meno informato sollecitare delle informazioni da quello meglio informato. Un intero ramo della microeconomia è dedicato alla progettazione di meccanismi (protocolli, insiemi di regole) per rivelare informazioni su valutazioni che altrimenti sarebbero nascoste, al fine di aumentare l'efficienza del mercato.

 

Un esempio è la concessione pubblica di licenze per le reti di telefonia mobile. Agli albori dello sviluppo della telefonia mobile, i governi avevano rivendicato i diritti alle onde radio sotto la loro giurisdizione, ma non sapevano quanto le società di telecomunicazioni fossero disposte a pagare. Gli economisti furono incaricati di progettare aste che incentivassero le società a presentare offerte fino al loro prezzo di riserva (spingendole ad essere sincere sulla loro valutazione delle onde radio). Ciò ha portato alla raccolta di miliardi di dollari per le casse pubbliche che altrimenti sarebbero rimasti nei profitti delle società private di telecomunicazioni. L’aspetto importante di questo aneddoto è che i governi avevano riconosciuto la propria ignoranza e la natura dell’asimmetria informativa.

Altre letture sull’asimmetria informativa

Joseph Stiglitz è uno dei tre economisti ad aver vinto il Premio Nobel per l’Economia nel 2001 per l’analisi dei mercati in condizioni di asimmetria informativa. Per una buona e molto leggibile panoramica di come l'informazione influisce sui risultati economici, leggi il suo documento di lavoro “The Revolution of Information Economics: The Past and the Future” (National Bureau of Economic Research Working Paper No. 23780, 2017).

Buono a sapersi

Il mercato del lavoro è colmo di asimmetrie informative: i datori di lavoro di solito sanno di più sui lavori di cui hanno bisogno rispetto ai potenziali dipendenti, mentre i candidati che si candidano per un lavoro sanno di più sui propri punti di forza e di debolezza rispetto ai potenziali datori di lavoro. La procedura di reclutamento e selezione è finalizzata a rivelare le informazioni nascoste sui candidati, in modo da trovare quello più adatto alle necessità del datore di lavoro. Anche i candidati hanno interesse a valutare i potenziali datori di lavoro e a conoscere meglio le offerte di lavoro prima di proporsi. Comprendere ed applicare la teoria dell’asimmetria informativa potrebbe aiutarti a trovare il lavoro giusto per te!